il Carnevale Storico Trinese

Carnevale

Gli anni di guerra dal 1940 al 1945 avevano creato, tra la gente trinese, una situazione difficile: rancori, invidie, inimicizie. Occorreva far dimenticare ai trinesi le cause che alimentavano tale stato d animo.
Bisognava far ritornare a Trino la serenità, la gioia, l'amicizia e soprattutto i contatti tra la gente.
L'allora sindaco cav. Ignazio Tavano ebbe un idea geniale: si organizzi una gran festa per i trinesi, così si ricreeranno i contatti umani, si rinnoverà la perduta amicizia, ritornerà la gioia e l allegria di qualche giorno di festa farà dimenticare i rancori e le invidie. Si doveva trovare il motivo per lanciare questa festa.
Si trovò nei tre giorni del Carnevale. Nacque la leggenda della Bella Castellana che un prode Capitano liberava dalla prigionia in un vecchio castello, dimora di un despota cattivo della zona. La Bella Castellana liberata, tornava nella sua città tra la sua gente che per degnamente festeggiarla organizzavano tre giorni di feste con balli e musiche allegre. Un inno alla gioia, alla spensieratezza ed all'amicizia: questo è e sarà nei tempi futuri il carnevale trinese. Ricordiamo il fondatore del Carnevale storico e primo presidente del Comitato del Carnevale: il cav. Vittorio Mezzano, innamorato di Trino, dei trinesi e del loro Carnevale.
Gli altri presidenti: dr. Paolo Ubertis, il cav. Luciano Viale, presidente per oltre un ventennio, Roberto Morano, cav. Alberto Ronco, avv. Giuseppe Balocco, Costantino Montella e l'attuale presidente Loriano Vallongo, e con loro tutti i trinesi che hanno collaborato nell'organizzazione del Carnevale Storico. Il Carnevale Trinese è giunto alla sessantesima edizione, non ha sessanta anni: ne ha tre volte venti, è sempre giovane, allegro e gioioso come lo sono e saranno i trinesi nei giorni del loro Carnevale.

Ernesto Giovanni Ferrarotti

Capitano e Castellana 1952-2021    Il libro

Trinoonline.it - by marcomoret.it

Sito aggiornato al 17/10/2021 - Born: 19/12/2010

Privacy Policy